Sonetti romaneschi II/La sala de Monzignor Tesoriere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La sala de Monzignor Tesoriere

../Lo sposalizzio de le ssciabbole ../Er corpo de guardia scivico IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

Lo sposalizzio de le ssciabbole Er corpo de guardia scivico


[p. 8 modifica]


LA SALA DE MONZIGNOR TESORIERE


 
     Hai sentito c’ha detto oggi er padrone?
C’avenno inteso er grann’Abbreo Roncilli 2
C’ar monte3 ce ballaveno li grilli4
Ha ddato ar Papa imprestito un mijjone.
              
     Cusí oggnuno averà la su’ penzione,
E nnun ze sentiranno ppiú li strilli
C’a sto paese ggià tutt’er busilli5
Sta in ner vive a lo scrocco e ffà orazzione.
              
     Perantro è un gran miracolo de ddio,
Che pe sspigne la Cchiesa a ssarvamento
Abbi toccato er core d’un giudio.
              
     Ma er Papa farà espone er Zagramento
Pe cconvertí a Ggesú benign’e ppio
Chi l’ha ajjutato ar zessant’un per cento.


8 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Mettesi in bocca dei servitori del Tesoriere una proposizione del cardinal De Gregorio, che è quella riferita nella prima terzina (vedi l’altro sonetto intitolato Er prestito de l’abbreo Roncilli).
  2. Rotschild.
  3. Pubblico erario.
  4. Ballare i grilli in un luogo, vale “esser vòto„.
  5. Tutto il punto.