Sonetti romaneschi II/La sborgna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er cimiterio in fiocchi Sicu t'era tin principio nunche e ppeggio


[p. 236 modifica]


LA SBORGNA


 
     Sta piccola cacona,1 eh Ggiuacchino?
E ste cotte1 che cqui pporti ar Curato?
Oggi propio pòi dí ccotto sporpato 2
Da li capelli all’uggne3 der detino.
              
     Nun ce sò gguai:4 come se trova vino
Da èsse fascirmente incanalato, 5
Tu tte sce vòi inummidí er palato
Sin che cce n’è una goccia in magazzino.
              
     Bbravo! perché sei omo da particce 6
Co ddu’ cotte pe ggiorno: e cquesto è er modo
De falle mantiené ’ggnisempre gricce.
              
     Cusí una tira l’antra, e tte sce lodo:
Che ssempr’è bbene for de le pellicce 1
De lassà un filo pe ppoi facce er nodo.


Roma, 11 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Questi vocaboli, e altri, sono in Roma sinonimi di ubbriacature. Nelle pellicce e cotte è poi un equivoco, su cui i Romaneschi si estendono in fizzanti allusioni.
  2. Spolpato.
  3. Unghie.
  4. Non v’è rimedio: non v’è da dire.
  5. Quel vino dicesi che incanala, il quale è tonnarello, cioè “dolcigno„.
  6. Da avventurarsi, da procedere, ecc.