Sonetti romaneschi II/La scopa nova

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Cardinale bbona momoria L'entrate cressciute


[p. 323 modifica]


LA SCOPA NOVA


 
     Sta scopa nova, ch’entranno ar governo
Sce2 voleva arricchí ttutt’in un botto, 3
Per urtimo cudino der cazzotto 4
Mó cce bbuggera a ttutti in zempiterno.
              
     Sarà una prova de core paterno
De chiamà un ladro e dd’affittajje er lotto:
Sarà cquer che vvò llui; ma mme ne fotto
Ch’io co st’apparto5 cqui ggiuco ppiú un terno.
              
     Fascenno l’appartista er zu’ mestiere,
Chi rriccapezza ppiú ccucca né nnosce 6
Tra ll’astrazzione7 farze e cquelle vere?
              
     De fufiggne8 tra er nummero e la vosce
Già nne fasceva tante er tesoriere!
Penza cosa pò ffà cchi ppiú jje cosce!9


Roma, 7 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. Modo proverbiale, esprimente che gli uomini nuovi sempre bene sui principi si diportano.
  2. Ci.
  3. Tutto in un colpo.
  4. Per ultima giunta alla derrata.
  5. Appalto.
  6. Non raccapezzare cucca né nosce: frase proverbiale di facile senso.
  7. Estrazioni.
  8. Fraudi.

  9. === no match ===
    Cuoce. Cuocere, vale: “essere a cuore, toccare nel vivo„, ecc.