Sonetti romaneschi II/La staggionaccia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La staggionaccia

../Er giucator de pallone ../Piazza Navona IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Er giucator de pallone Piazza Navona


[p. 403 modifica]


LA STAGGIONACCIA


 
     Zitto, Don Fabbio mio, pe ccarità!
Se1 chiameno staggione queste cqui?
State chiuse, un callaccio da crepà:
State uperte, un ventaccio da morí.
              
     Fora, ve viè la fanga inzino cqua:
Drento, è una vita che vve fa ammuffí.
Ringrazziamo la Santa Tirnità 2
Ch’è un Zanto grosso: e cc’antro s’ha da dí?
              
     Ne la ggiornata cuarche ccosa fo:
Ciò3 la novena der bambin Gesú...
Ricamo.., e ttiro via com’Iddio vò.
              
     Ma ssi4 la sera nun vienissi tu
A ffà cquer fatto e arillegramme un po’,
Don Fabbio mio, nun ne potrebbe5 ppiú.

no match[modifica]

Roma, 1° febbraio 1833


Note

  1. Si.
  2. Trinità.
  3. Ci ho: ho.
  4. Se.
  5. Potrei.