Sonetti romaneschi II/La vanosa

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le funtane L'immasciatori de Roma


[p. 61 modifica]


LA VANOSA


 
     Che jj’amanca a Mmadama Patanfrana? 2
Caso che jj’amancassi er pettabbotto 3
Je lo pozzo abbottà cor un cazzotto,
Senza metteje a cconto la dogana.
              
     Nun è affare de mezza sittimana 4
Che mme chiese una vesta pe dde sotto,
E io cojjone de marc’e ccappotto 5
Je l’ho ffatta trovà pe la bbefana.
              
     Mó un pettine, mó un busto, mó un zinale 6
Oggi er vezzo, domani l’orecchini,
Gnisempre cianerìe,7 gnisempre gale!
              
     A mmé cchi mme li dà ttanti cudrini?
Perché llei nun ze trova un Cardinale
In cammio de sti guitti de paini?8

no match[modifica]

25 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Vana.
  2. Nome di scherno a donna pingue: patanflana.
  3. Antica foggia pel seno.
  4. È appena mezza settimana.
  5. Superlativo.
  6. Grembiale.
  7. Ornamenti affettati.
  8. Nome generico dato dai Romaneschi a chiunque non vesta di corto com’essi, ma per lo più ai giovani.