Sonetti romaneschi II/La verità è una

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La verità è una

../Lo specchio der Governo ../Er penitente IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Lo specchio der Governo Er penitente


[p. 302 modifica]


LA VERITÀ È UNA


 
     Sò inutile,1 fijjolo, sti lamenti:
S’ha da sentille a ddoppio le campane. 2
Er Papa sce vorría tutti contenti,
Ma sbajja tra la pecora e ttra er cane.
              
     Li proverbi e ’r Vangelo sò pparenti:
Si ttu li vòi scassà cche cciarimane?
Ggià sse sa cche cchi ha ppane nun ha ddenti,
E cchi ha ddenti a sto Monno nun ha ppane. 3
              
     Che cqua li somaroni empieno er gozzo
Lo disse puro ar Papa un Cardinale,
E cche, invesce, a cchi ssa jj’amanca er tozzo.
              
     E er Papa sto discorzo pien de sale
Lo sentí co la mano sur barbozzo: 4
Se stiede zitto, e nnun ze l’ebbe a mmale.


Roma, 28 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Inutili.
  2. Proverbio.
  3. Proverbio.
  4. Mento.