Sonetti romaneschi II/La vista

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La vista

../Un indovinarello II ../Uprite la finestra IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Un indovinarello II Uprite la finestra


[p. 266 modifica]


LA VISTA


 
     Li preti sò bbonissimi Siggnori,
Ma nnun pe cquesto l’hai da crede ssciocchi.
Se la danno la pátina de ggnocchi,
Ma cquella è ggnocchería tutta de fori.
              
     Perché da cuanno naschi inzin che mmori
Er prete te sta ssú cco tanti d’occhi
Pe vvedé cquer c’assaggi e cquer che ttocchi,
E ssi ffreghi, e ssi arrubbi, e ssi llavori.
              
     Lui te vede si vvienghi e ssi vvai via:
Vede quer che sse vòta e cquer che ss’empie;
E tte fa da Spacoccio e Ccasamia. 1
              
     Cuest’è un male però che cchi ha cquadrini
Je lo cura appricannoje a le tempie
Un ceroto de pasta de zecchini.

no match[modifica]

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Due famigerati Astrologi almanacchisti.