Sonetti romaneschi II/Le Messe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le Messe

../Er portone d'un Ziggnore ../Un indovinarello III IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Er portone d'un Ziggnore Un indovinarello III



[p. 276 modifica]

LE MESSE


 
     Pe ttutto cuer che ssii spirituale
A nnoi nun tocca de parlà nnun tocca:
E un giacubbino solo, o uno stivale
Pò èsse cuello che cce mette bbocca.
              
     Puro,1 volenno senza dinne male
Mette l’occhi su cquella filastrocca
De messe che sse dicheno a Nnatale,
Pare a la prima una gran cosa ssciocca.
              
     Perché in cual antro logo se sò vvisti
Come drento a lo stommico d’un prete,
Tre ffijjoli de Ddio, tre Ggesucristi?
              
     Lassateli sciarlà st’ommini dotti,
E mmettétesce sú2 cquello c’avete
Che ttrovannose in tre ffanno a ccazzotti.


Roma, 23 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Purtuttavia.
  2. Metter su: scommettere.