Sonetti romaneschi II/Le carcere

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le carcere

../La maggnona ../La gabbella der vino IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

La maggnona La gabbella der vino


[p. 279 modifica]


LE CARCERE


 
     Uscii cuer giorno che ppapa Leone
Fu incoronato:1 ma tte do un avviso,
Che mmejjo cosa che de stà in priggione
Sí e nnò ppò ttrovasse in paradiso.
              
     Llí mmaggni pane, vino, carne e rriso,
E ll’oste nun te mette suggizzione:
Trovi in cammera tua tutto prisciso,
Senza pagà nné sserva né ppiggione.
              
     Llí ddrento nun ce piove e nnun ce fiocca, 2
E nnun c’è nné ggoverno né ccurato
Che tte levino er pane da la bbocca.
              
     Llí
=== no match ===
nun lavori mai, sei rispettato,
Fai er commido tuo, e nnun te tocca
Er risico d’annà mmai carcerato.


Roma, 24 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Era inveterato uso della Corte Romana che alla incoronazione del nuovo Pontefice si aprissero le carceri. Oggi però non si osserva la costumanza che a beneficio de’ soli rei di delitti minori.
  2. Quel ch’è vero è vero. Queste parole, oltre all’applicazione propria, si adoperano ne’ casi di qualche vantaggio certo, solito e già assicurato; per esempio: Intanto su sti dieci pavoli er mese nun ce piove e nun ce fiocca: p’er restante poi, ecc.