Sonetti romaneschi II/Le funtane

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er viscinato La vanosa


[p. 60 modifica]


LE FUNTANE


 
     Semo in tre appiggionante? ebbè ciaspetta 1
D’avé in mano la chiave de funtana
Du’ ggiorni e ggnente ppiú ppe ssittimana:
E cchi vvo ppiú ssciacquà vvadi a Rripetta.
              
     Luneddí e mmarteddí ttocca a Nninetta,
Mercordí e ggiuveddí ttocca a Bbibbiana,
E ’r venardí e ’r sabbito a sta sciana, 2
Come me chiama Sor Maria Spuzzetta. 3
              
     E llei s’intròita4 de fà a mmé lla lègge? 5
Ah,6 c’è bbon esattore vivo e vverde
Che nun pijja piggione e mme protegge.
              
     Ma ggià co ste lustrissime de mmerde
Che nun zò bbone c’a ttirà scorregge 7
Ce se perde
=== no match ===
a pparlacce, ce se perde.


24 gennaio 1832 - De Pepp’er tosto


Note

  1. Ci aspetta.
  2. Ciana: adornata con caricatura.
  3. Il titolo di suor o suora è dato alle religiose. Qui per ischerno. Spuzzetta: donnucola.
  4. Si arroga con sicurezza.
  5. Colla e larga.
  6. Pronunziato con vivace impazienza vale: “No davvero!„.
  7. Peti.