Sonetti romaneschi II/Le funzione eccresiastiche

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le ggiubbilazzione Er zale e ll'antre cose


[p. 313 modifica]


LE FUNZIONE ECCRESIASTICHE


 
     Le funzione eccresiastiche, Compare,
È vvero che ssò ttutte a bommercato;
Ma ssu ccertune nun ciò mmai fiatato, 1
E ccert’antre me pareno caggnare.
              
     Te pare poca bbuggera, te pare,
Ch’er Papa prima d’èsse incoronato
S’abbi da mette a ssede ariposato
Co le chiappe der culo in zu l’artare? 2
              
     E ’r par de bbasci c’oggni cardinale
J’àpprica llí ttramezzo a le colonne,
Me saperessi dí cquello che vvale?
              
     Te lo dich’io, si ttu nun zai risponne.
Sò una zuppa coll’acqua3 tal e cquale
=== no match ===

Che cquanno se sbasciucchieno tra ddonne.


Roma, dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Trovato a ridire.
  2. L’altare della confessione di S. Pietro.
  3. Frase usata nella circostanza espressa dal verso seguente, ad indicare il niuno effetto dell’amore tra individui del medesimo sesso.