Sonetti romaneschi II/Le medeme I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le medeme

../Le nozze der cane de Gallileo ../Le medeme II IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

Le nozze der cane de Gallileo Le medeme II


[p. 23 modifica]


LE MEDEME I


 
     Appena ebbe sentita la Madonna
Pregallo a vvennemmià senza un rampazzo, 1
Ggesucristo, che ancora era regazzo,
Soffiò istesso ch’er zasso d’una fionna.
              
     Poi disse incecalito: “Eh quela donna,
Voi de sti guai che vve ne preme, un cazzo?
Che cce penzi er padrone der palazzo,
E nnun vadi a ccercà cchi jje li monna. 2
              
     Pe ddà la cotta a cquarche bbeverino 3
Che vvorà ppasteggià le callaroste,
Io ho da fà er miracolo der vino?!
              
     Che?! M’hanno da toccà ggià tante groste, 4
Senz’annamme accattanno cor cerino
Puro mó st’antra odiosità dell’oste!„.


13 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Grappolo di uva.
  2. Questo verbo significa qui: “togliere la cura, il pensiero, la fatica„.
  3. Procurare di inebriarsi a’ bevitori.
  4. Colpi.