Sonetti romaneschi II/Le medeme II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le medeme

../Le medeme I ../Le nove fresche IncludiIntestazione 25 marzo 2013 25% Sonetti

Le medeme I Le nove fresche

 
     Credo però che tutta sta sparata
che cquà ffesce Ggesú bbona-memoria,
lui nu la facess’antro che ppe bboria,
4o, ccome dimo noi, pe ppallonata.
              
     Ma la madre, che ss’era sbilanciata 1
de volé ppropio vince sta vittoria,
disce er Vangelio ch’è una bbell’istoria
8che ddiventò Mmadonn’addolorata.
              
     Fijji, mo ddico io, mai fussi vera
st’istoria cquì, bisogna avé ggiudizzio,
11pe vvia c’ar tempo suo casca ’gni pera.
              
     Specchiateve in Gesú, che ppe cquer vizzio
de risponne a la madre in sta magnera
14Dio permesse c’annassi in pricipizzio.


13 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Compromessa.