Sonetti romaneschi II/Le mmaschere eccresiastiche

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lo sfasscio La messa der Papa


[p. 320 modifica]


LE MMASCHERE ECCRESIASTICHE


 
     Nun ce se crede ppiú! ssemo arrivati
A un tempo accusí iniquo e accusí ttristo,
Che la mannàra1 cqui dde Papa Sisto
Nun potería purgà ttanti peccati.
              
     Cuali popoli antichi hanno mai visto
Ammascherasse2 li preti e li frati?!
E ar vedé sti vassalli ammascherati
Nun z’ha dda dí vviscino l’Anticristo?
              
     Che sserve che la Cchiesa inviperita
Li chiami indietro a ssòno de campane,
Si la su’ vosce nun è ppiú ssentita?
              
     Che sserve sii la mmaschera inibbita
A ffrati, preti, chirichi e pputtane,
E all’antre ggente de cattiva vita?3

no match[modifica]

Roma, 6 gennaio 1833 - Der medemo


Note

  1. Mannaia.
  2. Ammascherarsi.
  3. Gli ultimi due versi contengono le medesime parole con le quali si bandivano, sino agli ultimi tempi ogni anno, gli editti in occasione di carnevale.