Sonetti romaneschi II/Le mura de Roma

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er ringrazziamento cor botto L'Apostolo dritto


[p. 269 modifica]


LE MURA DE ROMA


 
     Mó cc’è un editto c’a sta Roma caggna
Je vonno ariggiustà ttutte le mura; 1
Ma ssi nun è che cquarcuno sce maggna,
Nun te pare, per dio, caricatura?
              
     Se pò ssapé dde cosa hanno pavura?
Che li Romani scappino in campaggna?
De li preti ggnisuno se ne cura,
Perché ddrento in città sta la cuccaggna.
              
     Si ppoi semo noantri secolari,
Sc’è bbisoggno de muri e de cancelli
Pe ffacce restà ddrento a li rippari?
              
     Pe ppoche pecoracce e ppochi agnelli
Dati in guardia a li can de pecorari
Bbasta una rete e cquattro bbastoncelli.

no match[modifica]

Roma, 22 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Questa risoluzione fu realmente presa sotto il pontificato di Leone XII.