Sonetti romaneschi II/Le nove fresche

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le nove fresche

../Le medeme II ../Santa Luscia de quest'anno IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

Le medeme II Santa Luscia de quest'anno


[p. 25 modifica]


LE NOVE FRESCHE


 
     La mi’ fijja zitella che ppartí
Pe ggovernante de cuer tar Monzù,
Me scrisse un anno-fa da Sciammilí, 1
E dda cuer tempo nun m’ha scritto ppiú.
              
     Ho ssortanto tranteso ggiuveddí
Dar coco der Ministro Bbarberú, 2
Che dda sí ch’er francese je morí,
Povera fijja, s’è bbuttata ggiú. 3
              
     Puro, ammalorcicata4 come sta,
Ha sservito tre mmesi in d’un caffè
Ar cammino e ar bancone a imminestrà. 5
              
     E adesso sposa un certo... Lamirè,
Uno che ffa le Mediriane6 fa,
Che ssò orloggi che ssoneno da sé.


13 gennaio 1832 - Der medemo


Note

  1. Chambéry.
  2. Barbarù, già incaricato di Sardegna presso la Santa Sede.
  3. Ha scapitato nella salute per tristezza e mala cura di sé.
  4. Malaticcia.
  5. Ministrare.
  6. Meridiane.