Sonetti romaneschi II/Li colori

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un tant'a ttesta Er giucator de pallone


[p. 399 modifica]


LI COLORI


 
     Tutti li bbullettoni e bbullettini
Che se vedeno a Rroma appiccicalli
O ddall’ommini veri, o bburattini,
Pe ccommedie, pe mmusiche e ppe bballi,
              
     Chi tte li caccia fora scennerini,
Chi li fa rrossi, e cchi li tiggne ggialli:
Chi ll’arza pavonazzi, e cchi tturchini,
Pe ddà mmejjo sull’occhi e ccojjonalli.
              
     Per oggni pantomina1 sc’è un colore
Che ss’usa d’appricà2 ssu la pescetta 3
De chi tte disce che vvò ffasse4 onore.
              
     E ll’editti accusí dde la farzetta
Che rrescita sto Papa de bbon core,
De che ccolore sò? dde verd’aspetta.5


Roma, 29 gennaio

no match[modifica]

1833


Note

  1. Pantomima.
  2. Applicare.
  3. Pecetta: affisso.
  4. Farsi.
  5. Il colore delle cose che non si avranno mai dicesi essere il verde aspetta, come gradazione di quel colore emblematico della speranza.