Sonetti romaneschi II/Li mortorj

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er lupo-manaro Dommine-covàti


[p. 361 modifica]


LI MORTORJ


 
     Voi sete furistiere, e nnun zapete
Come a Rroma se cosceno le torte. 1
Un omo cor cappuccio2 è ccome un prete
Che jje piasce d’avé ppiene le sporte. 3
              
     Cuanno a pportà li morti voi vedete
O er Zoffraggio, o le Stimite, o la Morte, 4
Avete d’abbadà, ssor coso, avete
Si er fratellume canta piano o fforte.
              
     Nun v’ha da intenerí la pinitenza
Der zacco, de la corda e dde li zoccoli:
Cuelle sò ttutte smorfie d’apparenza.
              
     Li fratelloni nun zò ttanto bbroccoli 5
Da seppellí li morti pe ccusscenza:
Ma cce vanno p’er peso de li moccoli.

no match[modifica]

Roma, 15 gennaio 1833


Note

  1. Cuocer la torta: agire occultamente e con ipocrisia.
  2. Confratelli che portano il capo e il volto coperto con un cappuccio, nel quale sono praticati due piccoli fori avanti agli occhi.
  3. Viver lautamente: lucrar molto.
  4. Il Suffragio, le Stimmate di S. Francesco, e la Morte: tre delle principali Confraternite di Roma.
  5. Sciocchi.