Sonetti romaneschi II/Li mozzorecchi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le du' porte La spezziaria


[p. 187 modifica]


LI MOZZORECCHI


 
     Viè, si vvòi ride, viè cco mmé ddomani
Drent’a Mmontescitorio2 ar tribbunale,
E vvederai da té ccos’è un curiale,
Spesciarmente de cuelli innoscenziani. 3
              
     Un coll’antro se dà de
=== no match ===
lo stivale,
Se mózzicheno peggio de li cani:
Ma ttutto resta llí; ché sti bbaccani
Nun zò ppiú un cazzo poi ggiú pe le scale.
              
     Li vedi allora annà ttutti a bbraccetto,
Fascènnose strisciate e ccomprimenti;
E ggnisuno piú abbada a cquer c’ha ddetto.
              
     E l’ingiurie ingozzate, e ll’accidenti,
Sò ppartitelle ariservate in petto
Pe ppoi mettele in conto a li crïenti.


Roma, 1° dicembre 1832 - Der medemo

Note

  1. Mozzorecchi e mozzini diconsi in Roma i “legulei„.
  2. Palazzo di Giustizia civile.
  3. Gli ascritti alla Curia Innocenziana sono i curiali dell’ordine infimo: più su sono i Rotali: in capo que’ di Collegio in numero di ventiquattro.