Sonetti romaneschi II/Li negozzi sicuri

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li negozzi sicuri

../Sicu t'era tin principio nunche e ppeggio ../Una disgrazzia II IncludiIntestazione 3 maggio 2010 25% Sonetti

Sicu t'era tin principio nunche e ppeggio Una disgrazzia II


[p. 238 modifica]


LI NEGOZZI SICURI


 
     Vòi ’mparà a ffà cuadrini a la romana?
Ecchete in du’ parole la maggnera.
Da’ ttera rossa tu pe ppuzzolana: 1
Metti la sòla vecchia tinta nera:
              
     Spaccia acquavita nova de funtana:
Scuajja un terzo de sego2 in de la scera: 3
Fa’ vviení rrobba, e ffrega la dogana:
Nisconni un piommo sotto a la stadera:
              
     Bbulli er caffè dde cesci e dde fascioli:
Venni4 er barattoletto pe mmanteca:
Appoggia5 la semata de pignoli:
              
     Sfujjetta er vino bbianco de sciufeca: 6
Si ttu ccrompi,7 opri l’occhi; e all’antri soli
Fa’ ppijjà le tu’ cose a gattasceca.<ref>Giuoco, nel quale la gatta-sceca è

[p. 239 modifica]

una persona bendata, che deve trovare chi fa molti la colpì. Gattasceca, vatt’a ccerca chi tt’ha ddato è la frase di uso per indicarle il principio del suo giro.</ref>


Roma, 12 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Terra vulcanica, eccellente per fare cemento con calce.
  2. Sevo.
  3. Cera.
  4. Vendi.
  5. Appoggiare si usa per “dare„, ne’ casi poco piacevoli per chi riceve.
  6. Vulva.
  7. Comperi.