Sonetti romaneschi II/Li punti d'oro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Panza piena nun crede ar diggiuno Tutte a ttempi nostri


[p. 295 modifica]


LI PUNTI D'ORO


 
     Ccusí vviengheno a ddí li ggiacubbini
Ar Gran Zommo Pontescife Grigorio:
“Che tte fai de li Stati papalini
Dove la vita tua pare un mortorio?
              
     Va’, e tt’upriremo palazzi e ggiardini,
T’arzeremo una statua d’avorio,
Te daremo un mijjone de zecchini,
Te faremo stà ssempre in rifettorio„.
              
     Ma er Papa a sta bbellissima protesta
De palazzi, de statua e mmijjone
Je dà st’arispostina lesta lesta:
              
     “Vojantri me pijjate pe ccojjone.
Io sempr’ho inteso ch’è mmejjo èsse testa
D’aliscetta che ccoda de sturione„.2

no match[modifica]

Roma, 27 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Ponti d’oro a chi fugge: proverbio. In Roma però dicono punti, non già perché in questa maniera si pronunci il vocabolo ponti, ma perché così dicono.
  2. Proverbio.