Sonetti romaneschi II/Li santissimi piedi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er temp'antico Er vitturino aruvinato


[p. 157 modifica]


LI SANTISSIMI PIEDI


 
     Che!, nun è vvero jjeri eh sor’Ularia
Che cchi li piedi ar Papa l’ha bbasciati,
Ha gguadammiato indurgenza prenaria
Co rimission de tutti li peccati?
              
     Lo sentite, che ssiate sgazzerati, 1
Che cquanno che pparl’io nun parl’in aria?
Si mme l’aveva detto la vicaria
Propio de santi-cuattro-incoronati! 2
              
     E cche rrazzaccia de cristiani sete,
Si le cose piú pprime der cristiano,
Pe le piaghe de Ddio,3 nu le sapete?!
              
     Nun capite
=== no match ===
ch’er Papa, ortr’a ssovrano,
È vvicario de Ddio, vescovo, e pprete?
Je s’ha mmó dduncue da bbascià la mano?!


Roma, 27 novembre 1832


Note

  1. Specie di mezzana imprecazione.
  2. Chiesa de’ SS. Quattro Coronati, posta sul colle Celio, così detto da un Cele Vibenna etrusco, che vi ebbe dimora, ma chiamato originariamente Querquetulano, essendo ingombro di quercie.
  3. Esclamazione o obsecrazione.