Sonetti romaneschi II/Li sette sagramenti, tutt'e ssette

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La faccia d'affogato Li sordati d'adesso


[p. 90 modifica]


LI SETTE SAGRAMENTI, TUTT'E SSETTE


 
     Peccato che li sette sagramenti
Nun ziin’antro1 che ssette, eh sor Felisce?
Ha ddetto Chiodo, che ssa cquer che ddisce,
Ch’Iddio doveva fanne armanco venti.
              
     Er battesimo intanto è ’na vernisce
Che ccrope er guasto senza che tte penti:
È llui che cciarifà2 bbianchi e ’nnoscenti
Come che la bbucata a le camisce.
              
     Discessim’anzi3 jjermattina a Cchiodo,
Lui che ssa ttutti cuanti sti segreti,
Si sse potessi bbattezzà ccor brodo.
              
     “Cor brodo nostro sí, stateve quieti„,
Ciarispose4 l’amico sodo sodo,
“ma nno un cazzo cor brodo de li preti„.


Roma, 12 febbraio 1832 - Der medemo


Note

  1. Non siano altro.
  2. Ci rifà, ci ritorna.
  3. Anzi dicemmo, ecc.
  4. Ci rispose.