Sonetti romaneschi II/Lo specchio der Governo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Pare una favola! La verità è una


[p. 301 modifica]


LO SPECCHIO DER GOVERNO


 
     Cuanno se vede ch’er Governo nostro
Cammina senza gamme,1 e ttira via:
Cuanno se vede che mmanco Cajjostro 2
Saprebbe indovinà cche ccosa sia:
              
     Cuanno er Zommo Pontescife cià mmostro 3
Che cqualunque malanno che sse dia
S’abbi d’arimedià co un po’ d’inchiostro,
Co un po’ d’incenzo e cquattro avemmaria:
              
     Cuanno se vede che lo Stato sbuzzica, 4
E cch’er ladro se succhia tutto er grasso,
E ’r Governo lo guarda e nnu lo stuzzica;
              
     Tu allora che lo vedi de sto passo,
Di’ cch’er Governo è ssimil’a una ruzzica,5
Che ccurre cure sin che ttrova er zasso.

no match[modifica]

Roma, 28 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Gambe.
  2. Giuseppe Balsamo, siciliano, cognominato Cagliostro, famoso impostore del sec. XVIII, e tenuto dal volgo per stregone, il quale implicato nella celebre causa della Collana in Parigi, sotto Luigi XVI, morì poi a Roma nel Castel S. Angiolo.
  3. Mostrato.
  4. Il buzzico è qui un piccolo vaso d’olio per uso giornaliero di familia. Quindi il verbo sbuzzicare, cioè: “versare e sparger (nel nostro caso) danaro„.
  5. Ruzzola, disco.