Sonetti romaneschi II/Lo stizzato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Lo stizzato

../La santissima Ternità ../La poverella I IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

La santissima Ternità La poverella I


[p. 115 modifica]


LO STIZZATO


 
     Nun ce fò ppasce,1 nò, vvive2 sicuro:
Co ddu’ anni de fremma ho in tanta pratica
Cuella su’ testacciaccia sbuggenzatica, 3
Che, stassi4 a mmé, jje la darebbe ar muro.
              
     Nun ce fò ppasce, nò; voría,5 te ggiuro,
Più ppresto ’na risípola6 o ’na ssciatica.
Lei è pp’er mi’ penzà ttroppa lunatica:
Nun ce fò ppasce, nò, ffidete puro.
              
     Du’ vorte ar mese, tre, cquattro, accidenti; 7
Ma lliticà ogni sera, ogni matina,
A ttutte l’ora, a ttutti li momenti!
              
     Nò, è mmejjo ognun da sé: sinnò,8 per dina,
J’appoggio un cazzottone in ne li denti
Che jje ne fò ingozzà mmezza duzzina.


In vettura, da Otricoli a Civitacastellana, Der medemo - 12 novembre

no match[modifica]

1832


Note

  1. Pace.
  2. Vivi.
  3. Capricciosa, stravagante, schifiltosa.
  4. Stasse.
  5. Vorrei.
  6. Resipella.
  7. Transeat: alla buon’ora.
  8. Altrimenti: se no.