Sonetti romaneschi II/Nun mormorà I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La fijja ammalata Una Nova nova


[p. 129 modifica]


NUN MORMORÀ I


 
     Che ssò ste bbaggianate,1 eh, sor cachemme, 2
Sti sghigni,3 sti scì-scì,4 sti zzirlivarli? 5
Ggià, cquesto è ’r vizzio tuo: tu cciarli sciarli 6
Perché ssei stato a sspasso in Bettalemme. 7
              
     Ma io v’avviso, sor cazzo coll’emme, 8
Che un antro tantinello che mme tarli
La fremma, t’inzegn’io come che pparli,
E vviemme doppo a ssoffià in culo,9 viemme. 10
              
     Io bbado ar fatto mio: ciò la commare,
Nun ce ll’ho, vvado, viengo..., e ccredo d’èsse
Er padrone de fà cquer che mme pare.
              
     De mé nun te pijjà tant’interresse;
E ffinimo una vorta ste cagnare,
Si nun ce vôi bbuscà le callalesse.11


Roma, 19 novembre 1832 - Der medemo

Note

  1. Sciocchezze vanitose.
  2. Menantino.
  3. Ghigni.
  4. Ci-ci, cicalamento a bassa voce in tono di mormorazione (c striscicato).
  5. Girandole di parole e di condotta.
  6. Dopo l’accentuazione potenziale della tu, la c del primo ciarli va forzata come doppia; la seconda c poi va strisciata appresso a sillaba breve.
  7. Equivoco di bettola.
  8. Cioè: “cazzo m., cazzo matto„.
  9. Consimile al dammi di barba.
  10. Ripetizione di verbo usata dai Romaneschi e da molte altre plebi italiane.
  11. Colpi.