Sonetti romaneschi II/San Pavolo prim'arimita

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un antro vitturino San Pavolo primo arimita


[p. 246 modifica]


SAN PAVOLO PRIM'ARIMITA


 
     San Pavolo era un zanto c’abbitava,
Pe nnun pagà ppiggione, in d’una grotta;
E un corvaccio ogni ggiorno je portava,
Pe ffàllo2 sdiggiunà, mmezza paggnotta.
              
     Disce,3 sto corvo era una bbestia bbrava,
Timorata de Ddio, e ggnente jjotta:
Ma de li tozzi sciaveva4 la cava
Pe ttrovà ssempre una paggnotta rotta?
              
     Io dico che sto pranzo de san Pavolo
Fussi tutta pavura der fornaro,
Che ssott’ar corvo sce credessi er diavolo:
              
     E accusí, cquanno crebbe sant’Antonio,
De ste porzione je ne dassi un paro
Pe spartille fra er diavolo e ’r demonio.


Roma, 15 dicembre 1832


Note

  1. Eremita.
  2. Farlo.
  3. Dicono, dicesi e simili.
  4. Ci aveva.