Sonetti romaneschi II/Santa Luscia de quest'anno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Santa Luscia de quest'anno

../Le nove fresche ../Pascua Bbefania IncludiIntestazione 2 maggio 2010 25% Sonetti

Le nove fresche Pascua Bbefania


[p. 26 modifica]


SANTA LUSCIA DE QUEST'ANNO


 
     Oggi è Ssanta Luscia occhi e ccannele, 1
Per urbi-e-t-orbi c’è granne allegria.
Le donne che sse chiameno Luscia
Oggi vònno magnà zzuccher’e mmèle.
              
     Doppo-pranzo2 dà un pranzo er zor Micchele
Pe ddivozzione a sta santa, pe vvia
Ch’è stato male de ’na malatia
Che ddrent’all’occhi je s’è sparz’er fele. 3
              
     Pare che Iddio quattr’occhi j’abbi fatto
A sta Sant’avocata de li guerci,
Si ddua ne porta in fronte e ddua ner piatto;
              
     E sti dua che jj’avanzeno li smerci,
Ché accusí c’è a la Chiavica er ritratto,
Cusí a la Tinta, a li Gginnasi e in Zerci.4

13 gennaio 1832


Note

  1. Santa Luscia occhi e cannele è un espressione di maraviglia, con che si rimprovera chi non abbia veduto alcuna cosa patente.
  2. Le ore dopo il mezzodì fino al tramontare del sole sono detto il doppo-pranzo, senza aver poi assolutamente riguardo al pranzare. Così la parte illuminata del giorno si divide a Roma in mattina e dopo-pranzo.
  3. Spargimento del fiele per la superficie del corpo.
  4. Quattro chiese dedicate in Roma a S. Lucia, cioè S. Lucia della Chiavica, S. L. della Tinta, S. L. de’ Ginnasi e S. L. in Selci.