Sonetti romaneschi II/Santa Marta che ffa llume a Ssan Pietro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er medico de l'Urione Er calzolaro


[p. 393 modifica]


SANTA MARTA CHE FFA LLUME A SSAN PIETRO


 
     Sentite, fijja mia: voi sete bbona,
Sete bbella, e accusí vvia discurrenno; 2
Ma cche abbiate da dà ssempre in canzona,
Sta bbuggera, per cristo, io nu l’intenno. 3
              
     A mmé mm’abbasta un’intoccata, un zenno,
Pe indovinà cche ccampanella sona.
Io capisco per aria, e nnun me venno 4
Pe cquello che nun zò,5 ssora cojjona.
              
     S’io pe ccianche6 ho ddu’ ossi de presciutti,
Nun c’è bbisoggno de fà ttante sciarle:
Oggnuno abbadi a ssé: Ddio penza a ttutti.
              
     E vvoi che a zzirlivarli e zzirlivarle 7
V’infagottate du’ costati assciutti
Che nun c’è dda sazzià mmanco le tarle?

no match[modifica]

Roma, 24 gennaio 1833

Note

  1. Santa Marta è una chiesettuola quasi a contatto con la immensa Basilica Vaticana. Questo proverbio adunque si ripete in Roma, per indicare lo sciocco orgoglio di chi, avendo o essendo meno, schernisce chi ha od è più.
  2. Discorrendo.
  3. Intendo.
  4. Vendo.
  5. Sono.
  6. Gambe.
  7. Imbrogli, impicci di cenci od altro.