Sonetti romaneschi II/Sicu t'era tin principio nunche e ppeggio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La sborgna Li negozzi sicuri


[p. 237 modifica]


SICU T'ERA TIN PRINCIPIO NUNCHE E PPEGGIO


 
     Ar monno novo è ccome ar monno vecchio:
Cqua dde curiali sce ne sò sseimila;
E li pòi mette tutticuanti in fila,
Ché ssempre è acqua cuer che bbutta er zecchio.
              
     Ce sò ppassato, sai?, pe sta trafila:
A ssentí a lloro, ognun de loro è un specchio;
Ma o ccuriale, o mmozzino, o mmozzorecchio, 2
Tutti vonno maggnà ne la tu’ pila.
              
     Pe ccarità, nnun mentovà Ssant’Ivo! 3
Ché o Ssant’Ivo o Ssant’Ovo,4 a sto paese
Dillo un prodiggio si ne scappi vivo.
              
     Ma a Ssant’Ivo sò angioli o ccuriali?
Curiali? ebbè, cquer che sparagni a spese
Ar fin der gioco se ne va a rrigali.


Roma, 12 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Così dicesi dal popolo a indicare durata e accrescimento del male.
  2. I due ultimi vocaboli sono sinonimi di “leguleio cavilloso„
  3. Congregazione con ispeciale instituto di difender gratis le cause de’ poveri; ma!…
  4. Di simili bisticci usansi in Roma per dire che, comunque sia, la va a un modo.