Sonetti romaneschi II/Sto Monno e cquell'antro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le spille La milordarìa


[p. 152 modifica]


STO MONNO E CQUELL'ANTRO


 
     Me fai ride: e cche ssò ttutti sti guai
Appett’ar tibbi1 de cuer foco eterno?
Nu lo sai che le pene de l’inferno
Sò ccom’Iddio che nun finisce mai?
              
     E ar monno, pe ddu’ ggiorni che cce stai,
Te lagni de l’istate, de l’inverno,
De Ddio, de la furtuna, der governo,
E dell’antri malanni che nun hai?!
              
     Cquà, s’hai sete, te bbevi una fujjetta,
Ma a ccasa-calla nun ce sò cconforti
Manco de l’acquaticci de Ripetta. 2
              
     Cqua mmagni, dormi, cachi, pisci, raschi,
Te scòtoli, te stenni, t’arivorti... 3
Ma llà, ffratello, come caschi caschi.4

no match[modifica]

Roma, 27 novembre 1832


Note

  1. Tuttociò che sommamente nuoce e colpisce, può essere un tibbi.
  2. Al porto minore del Tevere, detto perciò Ripetta, approdano barche cariche di vini della Sabina, i quali, per esser naturalmente fiacchi e artificialmente adacquati, prendono presso il volgo il nome di acquaticcio.
  3. Ti scuoti, ti stendi, ti rivolti.
  4. “Aut ad austrum, aut ad aquilonem, in quo loco ceciderit, ibi erit„.