Sonetti romaneschi II/Terzo, santificà le feste

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Le lingue der Monno Li Ggiudii de l'Egitto


[p. 250 modifica]


TERZO, SANTIFICÀ LE FESTE


 
     La fede, decan1 Pavolo, oggiggiorno
Dimolo puro2 ch’è aridotta a zzero;
E ttutto cuello che pprima era vero
Mó sse stiracchia e nnun z’osserva un corno.
              
     Pe ’n essempio, le feste ch’inventorno
Li Papi antichi in tutto er monno intiero,
Se rispetteno ppiú? Mmó er bianco è nnero,
Mó er giorno è nnotte, e mmó la notte è ggiorno.
              
     Disce la fede: “Cuanno viè la festa,
Stenéteve3 dall’opere servile„:
Lo vedi tu cche bbuggiarata è cquesta?
              
     Ma dduncue sti futtuti monziggnori
Perché la festa tiengheno antro stile,
E ffanno faticà li servitori?


Roma, 16 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Decano, il più anziano de’ servitori di una casa.
  2. Diciamolo pure.
  3. Astenetevi.