Sonetti romaneschi II/Un Papa antico

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er giudisce Er Canonico novo


[p. 184 modifica]


UN PAPA ANTICO


 
     C’è stato un certo Papa san Grigorio
Che ssapeva parlà rrosso e tturchino,
Che cconosceva ogni sorte de vino,
E cquant’anime stanno in purgatorio.
              
     Distingueva chi aveva er zostenzorio, 1
L’ova cor pelo e ll’ova cor purcino
Capiva er tempo,2 e tte spiegava inzino
L’indovinelli de Monte-scitorio: 3
              
     Profetizzava er don de le petecchie:
Sapeva indovinà le confessione,
E scoprí ll’anni de le donne vecchie.
              
     E sti bbelli segreti in concrusione
Je l’annava a ssoffià ttutti a l’orecchie,
Azzeccàtesce4 chi?... bbravi! un piccione.

no match[modifica]

Roma, 1° dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Sospensorio. Notisi per coincidenza che vari tra la plebe danno questo nome anche all’ostensorio della Eucarestia esposta, chiamandolo er zantissimo sostenzorio de G.C. indisposto sull’artare.
  2. Conosceva le variazioni del tempo.
  3. Palazzo della Giustizia civile.
  4. Azzeccateci: indovinateci.