Sonetti romaneschi II/Un antro vitturino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Un vitturino de Montescitorio San Pavolo prim'arimita


[p. 245 modifica]


UN ANTRO VITTURINO


 
     M’aricconta mi’ padre che l’Ingresi
C’ar zu’ tempo a li stati papalini
Ce vienivano a ffà li milordini, 1
Spenneveno da prencipi Bborghesi. 2
              
     Ma bbisogna che mmó cquelli paesi
Abbino dato fonno a li cuadrini,
Perché mmó sse la passeno a llustrini, 3
E bbiastímeno4 poi d’avélli spesi.
              
     Io m’aricordo sempre, m’aricordo,
D’uno che mme maggnò la bbonamano, 5
E ppiú strillavo ppiú fasceva er zordo.
              
     Io je disse però dda bbon romano:
“Accidentacci in faccia ar zor Milordo
Ch’è sbarcato a la chiavica de Fiano„.6

no match[modifica]

Roma, 14 dicembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Dalla parola mylord è derivato in Roma il vocabolo di milordo o milordino, in significazione di “uomo azzimato„.
  2. Per dinotare ricchezze e splendidezza, il volgo introduce sempre il paragone della famiglia principesca dei Borghese.
  3. Mezzi paoli d’argento.
  4. Bestemmiano.
  5. Soprappiù del prezzo di nolo, che i vetturini non mancano mai di pretendere, né mai di riputar sufficiente.
  6. Cloaca che sembra un portone, patente nel bel cuore del Corso romano, intorno al palazzo degli Ottoboni Duchi di Fiano, prossima però adesso a scomparire, mercé la nuova livellazione già incominciata di quella via.