Sonetti romaneschi II/Un bon'impegno

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A ppadron Giascinto Valli a ccapí


[p. 106 modifica]


UN BON'IMPEGNO


 
     Er giorno c’annò er Papa a la Nunziata, 1
Io jje bbutta’ in carrozza er momoriale;
E llui cià ffatto sopra la passata, 2
E ddoppo l’ha arimesso ar Cardinale.
              
     Bisognerebbe mó ttrovà un canale
Pe avé un’informazzione un po’ aggrazziata;
E ppenzerebbe guasi a Ffurtunata
Che llui diede pe mmojje ar zu’ curiale.
              
     Cuesta regazza la ppijjò a pprotegge
Cuanno pe Nnapujjone annò in esijjo,
E ll’ha ttirata avanti a scrive e a llegge.
              
     Pôi figurà si llei cià conoscenza
Che llui j’ha ffatto da compare a un fijjo,
Ch’è ttutto spiccicato3 Su’ Eminenza.


Terni, 9 novembre 1832 - Der medemo


Note

  1. Vedi la nota… del Sonetto.
  2. Il rescritto.
  3. Somiglia perfettamente.