Sonetti romaneschi II/Un pessce raro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er zoffraggio Un bon partito


[p. 227 modifica]


UN PESSCE RARO


 
     Tra le trijje, linguattole1 e sturioni
Com’e cquelli ch’er Papa magna a ccena,
Tra li merluzzi e ll’antri pessci bboni
De che ll’acqua der mare è ttutta piena,
              
     Ce sta un pessce c’ha ttanti de zinnoni,
Faccia de donna e ccoda de bbalena,
E addorme l’omo co li canti e ssòni;
E sto pessce se chiama la serena. 2
              
     Disce er barbiere3 e ll’antre ggente dotte
Che sta serena tutte le sonate
E le cantate sue le fa de notte.
              
     Ecco dunque perché le schitarrate
Che ffanno li paini4 a le mignotte,
Le sentimo chiamà le serenate.


Roma, 8 dicembre

no match[modifica]

1832 - Der medemo


Note

  1. Sògliole.
  2. Sirena, sulla quale il popolo spaccia le più strane notizie.
  3. Ne’ barbieri e ne’ calzolari risiede tutto lo scibile del volgo: e sono essi tenuti per oracoli!
  4. Eleganti, damerini, ecc. Chiunque ha un abito con falde è un paino.