Sonetti romaneschi II/Una bbella mancia

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La bbellona de Trestevere Er medico de l'Urione


[p. 390 modifica]


UNA BBELLA MANCIA


 
     M’ha rriccontato Rosica, er curzore
Che sta ddrent’ar Governo1 a ppian-terreno,
Ch’er zoppo a cquella che cce fa l’amore
J’ha ddato una propina2 de veleno.
              
     Freghelo, Ggesú Cristo Nazzareno
Unico Siggnor nostro redentore!
Che ppropine der cazzo! è mmejjo a ffieno,
A ppajja, a ttorzi: armanco3 nun ze more.
              
     Pènzete4 a st’animaccia bbuggiarossa 5
Si cche proscessettaccio sopraffino
Li preti te j’inzubbieno6 nell’ossa!
              
     Penza si Mmastro Titta ombrellarino, 7
Co la pírola8 sua
=== no match ===
de cina-grossa 9
Nun je farà ppassà ttutto er morbino!


Roma, 24 gennaio 1833


Note

  1. Palazzo del criminale.
  2. Propinato veleno.
  3. Almanco.
  4. Pènsati.
  5. Alterazione di un vocabolo osceno, nell’intenzione di mitigarne la oscenità.
  6. Insubbiare, da subbia.
  7. Così chiamasi volgarmente in Roma il carnefice della Legge. L’attuale esercita il mestiere d’inverniciatore di tele per ombrelle ordinarie.
  8. Pillola.
  9. Cinoglossa, o lingua di cane, erba medicinale.