Sonetti romaneschi III/Er negroscopio solaro andromatico

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La bbonifisciata La carta bbollata

Pagina:Sonetti romaneschi III.djvu/376

ER NEGROSCOPIO SOLARO ANDROMATICO


 
     Mettémo da ’na parte, mastro Bbiascio,
L’ascéto che cce noteno2 l’inguille:
Lassamo stà la porvere der cascio
Piena d’animalacci a mmill’a mmille.
              
     Dove a ggiudizzio mio merita un bascio
Quer negroscopio è ar vede3 in certe stille
D’acqua ppiú cciuche4 de capi de spille,
Cressceve5 tanti mostri adasciadascio.
              
     Questa è la cosa a mmé cche mm’ha incantato,
E bbenedico sempre e in oggni loco
Er francesce6 e ’r papetto7 che jj’ho ddato.
              
     Questo è cc’ho ggusto assai d’avé scuperto,
Perché ggià ll’acqua me piasceva poco,
Ma dd’or impoi nun me la fa ppiú ccerto.

no match

9 giugno 1834


Note

  1. Il microscopio solare acromatico. Il vocabolo andromatico è quello di cui si vale un certo occhialaio romano per indicare quella tale specie di lenti.
  2. Ci nuotano.
  3. Al vedere.
  4. Piccole.
  5. Crescervi. Il vi non particella di luogo, ma pronominale.
  6. Mr. Lagarrigue, proprietario del miscroscopio che si mostrava a Piazza di Spagna.
  7. Il prezzo d’ingresso era di due paoli.