Sonetti romaneschi III/La Cassa der lotto

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Monziggnorino de garbo Quattro tribbunali in dua

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi III.djvu/151

LA CASSA DER LOTTO


 
     Sotto dell’antri1 Papi, er rimanente
C’avanzava a sta lupa de l’Impresa, 2
Lo fasceva serví la Santa Cchiesa
Pe llemosine a nnoi povera ggente.
              
     Ma, a ggiorni nostri, un Papa ppiú ccremente, 3
Discenno4 c’a la Cammera je pesa
D’avé da seguità ttutta sta spesa,
Serra le porte e nnun vò ddà ppiú ggnente.
              
     Ecco la carità de sto Governo.
Eccola la ggiustizia che ss’inzeggna
Da sti diavoli esscíti da l’inferno.
              
     Tutto se scola5 sta fajola6 indeggna.
Tutto cqua sse7 priscípita in eterno
Ner pozzo de la gola e dde la freggna.


10 gennaio 1834


Note

  1. Degli altri.
  2. Per Impresa, assolutamente, s’intende sempre la Impresa pontificia de’ Lotti.
  3. S. S. Gregorio XVI.
  4. Dicendo.
  5. Si scola: si sorbisce.
  6. La Fajola è una gran foresta del nostro Stato, la quale per essere stata altre volte nido famoso di ladri, ha dato il nome ad ogni ceto di amici della roba altrui.
  7. Si.