Sonetti romaneschi V/A la sor'Orzola

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A la sor'Orzola

../A la sora Teta Zzampi ../La mi' causa IncludiIntestazione 28 marzo 2013 25% Sonetti

A la sora Teta Zzampi La mi' causa

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/165

A La Sor'orzola

 
     Dico, perdonerà, ssor’Orzolina,
si ho vvorzuto arrocchià,1 ddico, un zonetto,
pe ddàllo a llei dimenic’a mmatina 2
appena ssceggne ggiú, ddico, dar letto.
              5
     Lei, dico, ha un tocco de corata in petto,
che ssimmai quarche vverzo nun cammina
scuserà, ddico, un povero pivetto 3
che ccòmpita pe ggrazzia4 la dottrina.
              
     Io nun zò, ddico, un conte o un cardinale
10o cquarc’antra perzona de talento:
la mi’ testa è una testa duzzinale.
              
     Si5 er mi’ sonetto da un bajocco er cento
zoppica e nun è rrobba pe la quale, 6
bbasta che llei gradischi er comprimento.


18 ottobre 1838


Note

  1. Se ho voluto gettar giù, raccapezzare così in grosso.
  2. Domenica 21 ottobre 1838, giorno di Sant’Orsola.
  3. Ragazzo.

  4. === no match ===
    Che ha a caro e grazia di compitare, ecc.
  5. Se.
  6. Non è roba conveniente.