Sonetti romaneschi V/Anticajja e pietrella

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er tempimpasce Lo svicolo der discorzo

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/440

ANTICAJJA E PIETRELLA


 
     E in ste patacche muffe, sor Pisano,
Ce sapete trovà ttante bbellezze?
Ho ppaura che in cammio de ricchezze
Ve troverete co le mosche in mano.
              
     Ce vò antro che a ffuria de carezze
Smiccialle da viscino e dda lontano:
Voi (ve lo disce un povero gabbiano)
Ciarimettete l’unguento e le pezze.
              
     Già vve ce sete mezz’indebbitito;
E ffinissce a lo striggne de li conti
Che pperderete poi nicch’e ppartito.
              
     Guardate quello a strada de la crosce:
Sibbè lo porta er cavajjer Visconti,
Nun pò ccaccianne né ccucca nné nnosce.


25 febbraio 1847