Sonetti romaneschi V/Ar zor Abbate Bbonafede

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La commuggnone in fiocchi La strolomía

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/26

AR ZOR ABBATE BBONAFEDE


 
     Dite ch’è rraro ppiú cc’a vvince1 un terno
Che un pover’omo che mmore ammazzato
Nun ze2 trovi coll’anima in peccato
E nnun scivoli ggiú ddritto a l’inferno.
              
     A l’incontrario er reo che ll’ha scannato
E mmore pe le mano der governo,
È cquasi scerto com’adesso è inverno
Che ttrova er paradiso spalancato.
              
     Sarà ddunque curiosa all’antro monno 3
Che cchi de cqua ha pportato er proggiudizzio
Se vedi4 a ggalla, e cchi ll’ha avuto, a ffonno.
              
     Sarà ccuriosa ar giorno der giudizzio
Che er primo stii tra ll’angioli, e ’r ziconno 5
Cor diavolo che vv’entri in quer zervizzio.


5 aprile 1836


Note

  1. A vincere.
  2. Non si.
  3. All’altro mondo.
  4. Si veda.
  5. E il secondo.