Sonetti romaneschi V/Ar zor Lello Scini

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ar zor Lello Scini

../La vénnita der cardinale morto ../Er papa bbon'anima IncludiIntestazione 29 aprile 2010 25% Sonetti

La vénnita der cardinale morto Er papa bbon'anima

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/352

AR ZOR LELLO SCINI


 
     Già cche vve trovo cqua ssenza ggnisuno,
Facci de grazzia, è vvero o nnò, ssor Lello,
Quer che mm’ha ddetto mó lo scarpinello,
Ciovè cc’oggi pe vvoi sona er ventuno?
              
     Sto nummero che cqui, Ddio sarv’oggnuno,
È un gran brutt’anno assai, fijjo mio bello;
Perc’ortre ar guaio d’assodà er ciarvello,
C’è cquel’antr’affaraccio der diggiuno.
              
     Eppoi si nun pagate la piggione,
O ffate quarche ddebbito coll’oste,
Ve sciteno e vve schiaffeno in priggione.
              
     Ma che vvolete fà? cce vò ppascenza.
Arate dritto co le vostre poste, 1
E cce sarà er Ziggnore che cce penza.


21 settembre 1846


Note

  1. Abbadate che pposta vò ddì aventori, crienti, e tocca la viola.