Sonetti romaneschi V/Er Duca saputo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ar zor come-se-chiama Monziggnor de l'Annona e Ggrasscia

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/177

ER DUCA SAPUTO


 
     Circa ar zor Duca tu discessi,2 Nina,
C’un ometto aggiustato3 come cquello
Nun ze trova in ner monno, anc’a vvolello
Cercà da San Giuvanni4 a Tterrascina.
              
     E io te so arisponne5 stammatina
Che cquer nostro sor Duca, poverello,
Drent’ar cestone6 in cammio7 de scervello
Ce tiè ’na provatura marzolina. 8
              
     Quanno jerzera je portò Mmadama
Quela tartaruchetta sciuca sciuca, 9
Sai che jje disse lui? “Sora salama, 10
              
     Sta bbèstia nun zi disce tartaruca,
Ma ssi chiama testuccina,11 si chiama„.
Chi le sa ste cazzate?12 Ir ziggnor Duca.


19 gennaio 1843


Note

  1. Saccente.
  2. Dicesti.
  3. Esatto, assennato.
  4. La Basilica di S. Giovanni in Laterano, presso la quale è la porta per cui si esce per viaggiare verso Terracina.
  5. Ti so rispondere.
  6. Dentro alla testa.
  7. In cambio.
  8. Noto formaggio, la cui figura simiglia sufficientemente un cervello.
  9. Ciuca ciuca: piccola piccola.
  10. Signora imbecille.
  11. Testuggine.
  12. Scipitezze, affettazioni.