Sonetti romaneschi V/Er bon partito

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er bon partito

../L'affitti pe la ggirànnola ../Li malincontri II IncludiIntestazione 29 aprile 2010 25% Sonetti

L'affitti pe la ggirànnola Li malincontri II

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/337

ER BON PARTITO


 
     Ma eh? cquella Luscia si cche ffurtuna!
Ah cquella è nnata carzata e vvistita.
Già, tutto-quanto in sta mazzata1 vita
Va ssiconno li quarti de la luna.
              
     Bellezze tanto,2 nun ce n’ha ggnisuna,
Ché ppare una merangola ammuffita.
Eppuro eccola llí: llei se marita,
E le mi’ fijje, che ssò ssei, manc’una!
              
     Sin da quanno ch’er zio je lassò er forno,
Io lo disse: sta sfrízzola3 è assortata:
Da la matina se vede er buon giorno.
              
     E adesso se la sposa er zor Annibbile: 4
Propio lui: che, assicurete, Nunziata,
È un omo... un omo... che nun è possibbile.5

no match

13 aprile 1846


Note

  1. Mazzata in senso di fortunosa.
  2. Circa a bellezza.
  3. Personcina di nessun conto e di meschino aspetto: da sfrizzolo, sfrizzoli, relitti della sugna dopo estrattone al fuoco il distrutto.
  4. Annibale.
  5. Cioè: non è possibile dirne quanto se ne dovebbe.