Sonetti romaneschi V/Er cardinale bbono

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La Tirnità de pellegrini La gabbella der zabbito santo


Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/332

ER CARDINALE BBONO


 
     Eh ggiusto! bbono lui?! Cristo! è un’arpia,
Che nun zai com’arrèggesce,1 nun zai!
Sto Cardinale è bbono! eh indove mai! 2
T’hanno detto una gran cojjoneria.
              
     E ssi ha ddato la dota a Nnastasia,
Ar perché jje l’ha ddata nun ce dài? 3
Je l’ha ddata perché cc’ereno guai!
Bbazzicotti forzati,4 Aghita mia.
              
     Però nnun dico che ssii mejjo o ppeggio
O cche ffacci ppiú o mmeno marachelle 5
De tutt’er resto der Zagro Colleggio.
              
     Abbast’a vvede6 come va la piazza.
Sò ttutti lupi de l’istessa pelle:
Ammazz’ammazza sò ttutt’una razza.

no match

9 aprile 1846


Note

  1. Come reggerei, resisterei.
  2. Mai più simili cose.
  3. Non ci dài dentro, non ne penetri il motivo?
  4. Necessità.
  5. Azioni furbesche, indecorose, fraudolente.
  6. Basta a vedere.