Sonetti romaneschi V/Er furto piccinino I

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er furto piccinino

../La sposa de Mastro Zzuggno ../Er piggionante der prete IncludiIntestazione 12 aprile 2010 25% Sonetti

La sposa de Mastro Zzuggno Er piggionante der prete

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/403

ER FURTO PICCININO I


 
     Chi arrubba è lladro, e ll’arrubbà è ppeccato,
E cchi ffà li peccati è ppeccatore;
E cquesto credo che nnun facci onore,
Sor Libborio, a un cristiano bbattezzato.
              
     Ma llevà er mantelletto a un Monziggnore,
Caccià da Roma un povero prelato,
Pe un pupazzetto o ddua c’ha sgraffignato,
È, a ssintimento mio, troppo arigore.
              
     Capite voi? de sto paese io parlo,
Dove chi ffa man bassa se la svicola:
Cquesti nun zò li scrupoli der tarlo?
              
     Ggià, scrupoli der tarlo, sor Libborio,
Che ddoppo avé magnato la particola,
Ebbe pavura de magnà er cibborio.

no match

15 gennaio 1847