Sonetti romaneschi V/Er morto ingroppato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er morto ingroppato

../Er prete capr'e ccavoli ../Er Cavajjer de spad'e ccappa IncludiIntestazione 29 aprile 2010 25% Sonetti

Er prete capr'e ccavoli Er Cavajjer de spad'e ccappa

Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/306

ER MORTO INGROPPATO


 
     “Chi? er morto? Er morto stava bbene assai:
Quello è un mortuccio ricco, e nnun cojjona„.
“E a cchi ha llassato?„ “A Ttuta la bbuzzona„. 2
“A la mojje?!„ “A la mojje: e nnu lo sai?„
              
     “Come! a la mojje, e nnun c’è stato mai! 3
A cquella bbrutta porca bbuggiarona?!„
“Ma, in fonno, j’era mojje bell’e bbona,
E mmó è l’arède sua: nun ce sò gguai„. 4
              
     “Ecco er perché, mmaggnanno le castaggne,
Mó ha ddetto a Mmeo: “Nun vojjo fà ppiú ggnente:
Nun vojjo fà ppiú ar monno antro che ppiaggne”.
              
     E infatti nun ha ttorto un accidente.
Quann’uno ha bbone rúzziche da sfraggne, 5
Pò stà in ozzio
=== no match ===
e ppò ppiaggne alegramente„.


2 gennaio 1846


Note

  1. Dovizioso.
  2. Pingue, ma di una flaccida adiposità.
  3. Non c’è stato mai unito.
  4. Non v’è replica.
  5. Denari da spendere. Il disco da giuoco in Roma dicesi rùzzica, il qual nome viene anche applicato alle monete (e specialmente alle grandi) per la loro figura.