Sonetti romaneschi V/Er paneriggico de san Carlo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Er Cavajjer de spad'e ccappa Er proscède d'Aggnesa

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/308

ER PANERIGGICO DE SAN CARLO


 
     Bburli o ddichi davero, Ggiuvenale?
A la predica ha detto don Matteo
C’a sto monno san Carlo Bboromeo
È stato a li su’ tempi cardinale?!
              
     Me fa ppiú spesce sta notizzia tale,
Che la scappata de Ggiusepp’ebbreo:
Me saría creso ppiú cch’er Culiseo
Fussi un giorno una vesta d’urinale.
              
     Un cardinale è stato bbono tanto?!
Un cardinale ha ccreso tanto in Dio?!
Un cardinale è ddiventato santo?!
              
     Tu jje dai retta, Ggiuvenale mio?
Si lo disce, eh, ssarà: mma mmó ttratanto
Un cardinale è ppeggio d’un giudio.


5 gennaio 1846