Sonetti romaneschi V/Er rimedio pe lo Stato

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Li cani d'un prete L'abbonnanza pe fforza

__MATCH__:Pagina:Sonetti romaneschi V.djvu/121

ER RIMEDIO PE LO STATO


 
     Nun zerve, caro lei, che cce s’infochi.
Piano: lei senti la raggione, senti. 1
A mmé mme pare che in sta tor-de-vènti
Se vojji2 la miseria e cce se ggiochi.
              
     Come! hanno a Rroma e in centomila lochi
Tanti servi de Ddio pe li conventi,
Tutti capasci de fà un diesci o vventi
Miracoloni ar giorno, a ddínne3 pochi...
              
     E pperché nun je fanno un ber rapporto
De li bbisoggni presenti e ffuturi?
Perché inzomma er discorzo è ccorto corto:
              
     Uno c’ha li miracoli sicuri,
Tanto j’è d’aridà la vita a un morto
Quanto creà un mijjon de pezziduri.


30 maggio 1837


Note

  1. Senta.
  2. Si voglia.
  3. Dirne.